Ludik

un blog

14741132720_4d2abc8bd5_k

Finirà così

Stanotte tutti diranno che non poteva che finire così, che l’avevo detto io, che bastava leggere tra le righe dei sondaggi e delle dichiarazioni, bastava girare per strada, bastava parlare con la gente. Stanotte ognuno, agitando carte e cartuccelle, chiamando in causa profezie di tassisti e di parenti, dirà che in cuor suo lui l’aveva…

Continua

26914686172_a728240405_k

Potremmo ritornare

Fino a qualche mese fa ho fatto un lavoro per cui dovevo riportare molti discorsi e dichiarazioni di politici, monitorare le sedute di Camera e Senato, tenere sotto controllo i momenti più agitati dei talk show, e in particolare dovevo ascoltare ogni discorso, ogni intervento, ogni parola pubblicamente pronunciata, ogni sospiro del presidente del consiglio…

Continua

img_1114

Il mondo è cambiato, un’altra volta

A mezzanotte già passata all’università americana nel cuore di Roma i ragazzi dall’aria molto connessa e molto ingenua sono presi da giochi con domande di cultura generale e amichevole divisione in squadre, da video scaricati da YouTube e proiettati sul maxischermo con le parodie di Clinton e di Trump, da t-shirt di arguto distacco “vote for…

Continua

26218114070_a62b6fdb0b_k

Trionfi e lamenti

Trionfi e lamenti si accumulano su Roma, sotto le gigantesche figure stampate sul muraglione tra ponte Mazzini e ponte Sisto, affianco a quel Tevere che solo a tuffarsi potrebbe uccidere, oppure trasformarci tutti in supereroi di periferia, che non sanno bene che farci con tutti quei superpoteri (“ma te sei ‘n supereroe, mica poi anna’ a…

Continua

lancio-edit-minieri-seven-up-e1435991995986

Seven Up

Adesso è un luogo maledetto. Sono i resti di una colonia spaziale abbandonata, un’astronave che una notte d’estate tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta atterrò in mezzo a campagne ancora contadine e non riprese più il volo, è la vita come se la ricordano i morti ritornanti, a metà strada tra Mad…

Continua

28688394423_82c3786c45_k

Una Cambogia

Attendere il monsone a bordo piscina dell’albergo, assaporando le nuvole sempre più scure, come i vecchi inviati nell’Indocina. Ma questa aria cupa, immobile, mi intimorisce. C’è un’atmosfera di attesa, il cielo che vira verso il grigio, il violaceo, infine quasi il nero. Un crepuscolo fuori orario. Il soffio del vento che scuote le palme. Il…

Continua

1 2 3 109