Ludik

un blog

Il ballo del potere

Non so cosa passerà nella mente del prossimo che si affaccerà al balcone più alto o del prossimo che giurerà su una costituzione o una bibbia qualsiasi, la vertigine del potere da brividi inconsulti soprattutto a chi se ne vuole credere immune, tant’è che in molti continuano a confondersi a proposito di quella vecchia massima del nostrano Belzebù, se alla fine il potere logora di più chi ce l’ha o chi non ce l’ha. Eppure, secondo me, nessun uomo che voglia diventare, e ci riesca, potente del mondo è davvero sano di mente. Papi, monarchi, presidenti. Gente che sembra non credere in nulla ma che muore dalla voglia di sapere quello che il paese o il mondo vuole sentirsi dire. Gente disposta a rinunciare alla sicurezza, alla vita familiare, agli amici, al sonno, a una parte consistente della propria salute mentale e alla stima di circa due su tre dei loro concittadini. E anche quando si tratta di guidare persone che la pensano come te, una chiesa o un partito, ci si sente inadeguati, e non si può fare niente.

“Appartenere a tutti” è una missione o una dannazione, lo ha fatto capire perfino il papa, prima di salire su un elicottero e ritirarsi. Oggi il mondo fatica a distinguere tra la fede e la fama. I bambini nei loro temi su cosa vogliono fare da grande scrivono “diventare famoso”. I grandi, invece, entrano nell’agognata stanza dei bottoni e la trovano vuota. Consapevoli di non potere essere utili amano farsi credere indispensabili. Ma è confortante sapere che per mettere in crisi una potenza un indeciso possa più di un fanatico, e un riluttante più di un criminale. Noialtri umani poco potenti, invece, possiamo confidare nelle imperfezioni, nelle coincidenze, nelle ansie. Essere come Amleto e non mettere confini alla propria Danimarca. Esitare, arrossire, vagare, sorridere improvvisamente, non resistere, incrinarsi, affidarsi alla mano tesa di uno sconosciuto o del destino. Chiudere il giornale della sera e ricordarsi la bellezza di essere normali.

conclave 13

Luca Di Ciaccio • 7 marzo 2013


Previous Post

Next Post