Ludik

un blog

I blog al potere

Forse non ci vorrà molto, e prima o poi si riuscirà a trasformare l’Italia in un blog. Ci saranno banner dappertutto, un post al giorno per inveire contro i nemici del popolo, la possibilita per ciascuno di commentare e una legge che permetta di staccare i cavi della connessione ai nemici del popolo, i ministri votati con un sondaggio online, i progetti di legge scopiazzati da Wikipedia e una webcam sotto il sedere di ogni deputato. E’ un’idea che come ogni blogger che si rispetti non ho nemmeno avuto io, ma l’ho trovata su un altro blog, più famoso. Ma forse è così che funziona: ci sono idee che girano per il mondo, che si muovono nell’aria e che cercano solo una loro incarnazione. Ma io resterò tra quelli che non ci hanno capito nulla, ho pure studiato inutilmente comunicazione insieme a tanti altri abbacinati senza accorgermi che il nostro problema era proprio quello, che tutti noi siamo ossessionati dalla comunicazione, non vogliamo essere governati, vogliamo qualcuno che ci comunichi cose, e potrà farlo con un blog o con un talk show televisivo degli ultimi vent’anni, o prima ancora con un giornale, l’importante è che sia un posto adatto per parlare, parlare, parlare, e alla fine concludere poco, e quel poco sarà comunque un casino.

Luca Di Ciaccio • 5 aprile 2013


Previous Post

Next Post