Ludik

un blog

Fuori dal salone

Gran sabba di prosecchi e di autostima, all’ombra di boschi e sottoboschi verticali, il Fuorisalone di Milano è ormai diventato quasi più affollato del rinomato Salone del Mobile, forse perché gratis e facilmente instagrammabile. La prima foto che scatto, con l’iPhone, la faccio nella vecchia sala reale della Stazione Centrale. Esposizione di design austriaco. Ragazze giapponesi estasiate, insieme a una folla eterogenea di avventori, si tuffano nelle sale riempite di palline di polistirolo (pardon, polistirene 100% riciclato) bianco, “il visitatore si può immergere in questa designpool” suggerisce la guida, ognuno con il suo cellulare o i più organizzati con il selfie stick. Entusiasmo bambinesco. Voglia di annegare così, nel polistirolo di una “designpool”. Sedie, mobili, lampade qualche volta si infilano nell’inquadratura sporcandola un po’. I più cercano di stare attenti ed evitarlo. Due sciure commentano: “Dimmi te se abbiam dovuto fare due ore di fila per vedere ‘sta roba”.

milano

Avatar Luca Di Ciaccio • 15 Aprile 2019


Previous Post

Next Post