Ludik

un blog

dsc_0013

La favola delle luci di Natale

C’era una volta un paesone di mare dove il Natale sembrava non arrivare mai, dove le strade erano vuote di addobbi e di allegria, mentre gli abitanti camminavano tristi e malinconici sul corso nelle sere di dicembre, ripensando con nostalgia alle lunghe giornate d’estate dove il sole sembrava non voler tramontare mai e guardando con…

Continua

lancio-edit-minieri-seven-up-e1435991995986

Seven Up

Adesso è un luogo maledetto. Sono i resti di una colonia spaziale abbandonata, un’astronave che una notte d’estate tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta atterrò in mezzo a campagne ancora contadine e non riprese più il volo, è la vita come se la ricordano i morti ritornanti, a metà strada tra Mad…

Continua

27611455694_b7a71d393c_k

Nuvole di preti

L’arcivescovo nuovo ha la faccia da sergente dei marines, i capelli pure, l’aria di uno con poche ciance, poca fuffa, poca posa aristocratica. Ma nella foto non si vede, c’è solo questa nuvola bianca di preti che cammina per le via della Gaeta medievale, tonache che svolazzano sopra il basolato nero borbonico, sotto i castelli…

Continua

22097865770_66359b9cd6_k

Il sonno dell’usciera, il sonno della ragione

L’orologio segna mezzogiorno e cinque, il quadro alla parete è una copia di mille copie di un vecchio dipinto in bianco e nero del santuario dell’Annunziata, i calendari sono due, appesi alla parete, si coprono e si confondono a vicenda come le scadenze, un attaccapanni vuoto, un avviso su come maneggiare un’estintore, un filo elettrico rosso che…

Continua

20089675424_fe36c5d193_b

Memorie urbane

Decine, centinaia di segni ha la città. Forse saranno uno per ogni giorno dell’anno, potrei affacciarmi a un davanzale diverso ogni mattina, col sole e con la pioggia, col vento e il rumore del mare grosso o con il caldo e lo sbattere delle ciabatte sull’asfalto, e ogni volta constatare il degrado lento dello splendore,…

Continua

13844053023_8feaf003ac_b

Il quartino della sora Pina

Gli uomini partono per mare, marinai e capitani di lungo corso, e le donne restano in paese, governando case e prole, investendo le rimesse che arrivavano dalle navigazioni in beni più che mai solidi e immobili. “Gliu’ quartin”, l’appartamento. Così si faceva un tempo. Case su case, mattoni su mattoni. Senza rischi d’impresa,  ambizioni fuori luogo,…

Continua

1 2 3 20