Ludik

un blog

Finirà così

Stanotte tutti diranno che non poteva che finire così, che l’avevo detto io, che bastava leggere tra le righe dei sondaggi e delle dichiarazioni, bastava girare per strada, bastava parlare con la gente. Stanotte ognuno, agitando carte e cartuccelle, chiamando in causa profezie di tassisti e di parenti, dirà che in cuor suo lui l’aveva…

Continua

Potremmo ritornare

Fino a qualche mese fa ho fatto un lavoro per cui dovevo riportare molti discorsi e dichiarazioni di politici, monitorare le sedute di Camera e Senato, tenere sotto controllo i momenti più agitati dei talk show, e in particolare dovevo ascoltare ogni discorso, ogni intervento, ogni parola pubblicamente pronunciata, ogni sospiro del presidente del consiglio…

Continua

Stanno parlando di noi

Stanno parlando di noi. Stanno parlando di persone, di dolori tenuti sotto le coperte e scommesse sul futuro, stanno parlando di abbracci, di case, di figli, di donne e di uomini come noi, come voi, in fondo perfino come loro. Parlano, parlano, compilano classifiche e polemiche, fanno distinguo, si nascondono dietro emendamenti e sottigliezze, sollevano…

Continua

La Grecia per noi

La Grecia per noi è un’idea come un’altra si potrebbe dire, parafrasando la famosa canzone per quelli che stanno in fondo all’Europa, così quando sento che la Grecia è la culla dell’Occidente, più che pensare agli antichi, mi torna in mente l’estate, ma un’idea azzurra e purissima d’estate, macchiata di tamerici e polvere sollevata dai motorini, tramonti…

Continua

Radicali liberi

Al portone di via di Torre Argentina 76, al centro di Roma, c’è un citofono da cui alla fine sono passati tutti, probabilmente senza mai citofonare, perché il portone è sempre aperto. Sulla targhette ci sono in basso le “suore benedettine”, in alto le “suore operaie” e in mezzo il “partito radicale”. Delle suore non saprei dire,…

Continua

Vetri rotti

Un muro sfondato, un vetro rotto, un semaforo mezzo divelto, una macchina tutta scassata, una scatola di biscotti vuota e abbandonata per terra, una scritta senza senso su un muro appena tinteggiato, un buco sull’asfalto, una bottiglia sul marciapiede. La città è un cimitero di piccole cose andate a male, piccoli gesti di noncuranza, ognuno…

Continua

1 2 3 15