Ludik

un blog

Corriera appenninica

Caldo boia, esodi e controesodi biblici, riviere affollate. Meglio imboscarsi, salire in quota verso l’osso dello Stivale, quel lungo femore chiamato Appennino. Il pullman decolla verso il grande centro, l’Italia mansueta e nascosta che non fa notizia. Osteria Nuova, Caporio, Antodoco, Torrita, Cittareale, Leonessa. Sono poco lontano da Roma e mi ritrovo immerso in gole boscose…

Continua

Adios, beach

“E per conquistarti, facevo ‘o buffunciello, per essere notato facevo il tuffo a cofaniello”. Bambini che sembrano junores di sumo e mamme che li farciscono di cremine, asciugamani, frittate di maccheroni. Bagnini etruschi dal ricciolo scolpito, a riprendere tatuaggi tribali istoriati sul promontorio del fondoschiena, che scodinzolano come segugi di femmine splendide. Bronzi al betacarotene, bocce…

Continua

Latina, per gli amici Littoria

Certe notti, dai campi attorno alla via Appia, c’è ancora qualche vecchio colono che giura di sentirlo. Vroooom, vrooom, come un rombo di motore in avvicinamento. Di lato agli alberi di eucalyptus ancora superstiti, in tutti quei Borghi piantati in mezzo agli incroci stradali, vicino ai canali e alle piantagioni di kiwi, pare di sentirlo ingrossarsi…

Continua

Il caso Fondi e le nuove paludi pontine della mafia

Un fantasma si aggira nella provincia di Latina, e non viene dalle vecchie paludi bonificate. Arriva dritto dai nuovi padroni delle terre di confine, si muove in punta di piedi e con le tasche piene di soldi. “La mafia”, dice qualcuno. Ma non si sa se l’ha vista davvero. In questa ridente plaga tirrenica non ci…

Continua

La litoranea di Ulisse nell’Italia del boom

Le strade uniscono, collegano, portano migrazioni e portano sventure, ricalcano antichi tracciati, sperimentano nuove curve, si costruiscono, si distruggono, si ricostruiscono ancora, sulle strade si fugge e ci si schianta, sono linee che parlano di chi le ha disegnate, che fanno girare i motori e a volte le balle, che legano uomini e storie. Poche cose…

Continua