Ludik

un blog

Tmo watch/ Al Bano, orgoglio del sud

Concertino di Al Bano alla festa di ferragosto dell’Associazione Finanzieri, nella caserma di Gaeta. Non mi sarebbe passato lontanamente per la testa di andarci, però qui lo si è visto grazie alla prode opera di Antonio Ciano e della telestreet gaetana Tele Monte Orlando, e in effetti un po’ mi si sono rizzati i capelli…

Continua

Tmo watch/ Spigole e coiti interrotti

Tele Monte Orlando, prima telestreet gaetana, laziale e forse d’Italia, ormai lo abbiamo capito, è fatta così:mischia dilettanti e professionisti, borbonici dal tocco naif e sperimentali di area situazionista, reale e immaginario. L’ultima novità dell’eterogeneo flusso di programmazione in onda sulla telestreet gaetana, tra scenografie da tv romena e incursioni borboniche, si chiama “Kitab”. Sottotitolo: “Lo…

Continua

Formia, la bomba e il dottor Stranamore

Al quinto giorno di impazzimento cittadino, al quinto giorno di un sole di maggio che spacca le pietre e ottunde i pensieri, alla comunità formiana mezza sfollata e mezza stordita non rimane che sedersi sulla riva del mare e fatalmente aspettare, fare i conti col Dottor Stranamore che è in ognuno di noi, quello che sotto…

Continua

Tmo watch/ L’embrione che noi portiam

Insomma, è una bella matassa da sbrogliare quella dei prossimi referendum sulla fecondazione assistita. C’è la scienza, c’è la teologia, c’è la vita, la non-vita e il ricciolo di materia. E come se non bastasse poi ci si mette il trucco dell’astensione, la complessità del tema, l’influenza della Chiesa, la tentazione che meno se ne parla…

Continua

Tmo watch/ Occupare castelli e frequenze

Tra il 2003 e il 2005 avevo un blog (che per qualche tempo fu anche una rubrica su un giornale locale) in cui recensivo Tele Monte Orlando. Era una tv locale che si vedeva solo a Gaeta, e che rientrava nel movimento nazionale delle “telestreet”, cioè emittenti che trasmettevano sfruttando i buchi tra le frequenze…

Continua

Piovono pecore

Bum! Piove qualcosa dal cielo. Accade improvvisamente, pesantemente, senza nemmeno il tempo di fare un fischio. E quella cosa, quella cosa che all’improvviso ha fatto un tonfo, si abbatte a terra lì, in mezzo alla scena, e fa sempre un grande effetto. Come succedeva in quel film formidabile, “Collateral” di Michael Mann. La storia prende la…

Continua

1 84 85 86