Ludik

un blog

Tornare all’Aquila

Mentre cammino per le strade dell’Aquila penso sempre “che peccato non esserci stato prima”. Doveva essere bello il centro dell’Aquila prima di quel terremoto. Con i negozi, i bar eleganti e quelli col giornale locale sopra il frigo dei gelati, le mercerie con le commesse anziane, qualche grande catena d’abbigliamento come in città, con le famiglie…

Continua

Vivere col terremoto

Come avete visto, è un attimo. Venti secondi e non resta più niente. Delle vite, di una popolazione, dei bambini da crescere e dei vecchi con le loro memorie da custodire, dei palazzi antichi e dei condomini di recente fabbricazione, delle città e dei paesi. Macerie, sguardi persi, sirene. Distese di tende blu, chissà per quanto…

Continua