Ludik

un blog

Bulli e bullizzati

I bulli li riconosci da adulto, un giorno per caso. Una richiesta di amicizia che arriva su Facebook, un incontro fortuito nella piazza del paese, la notizia di seconda mano riportata dai genitori, hai saputo di. E tu naturalmente vuoi sapere. Scruti quelle facce ormai adulte, indaghi dietro i sorrisi da professionista realizzato o gli sguardi…

Continua

Eurogaga

La sera dopo nei giardinetti di piazza Vittorio, una via di mezzo tra una festa dell’Unità e un’edizione qualunque del Gay Village, tra stand di associazioni, sedie di plastica, tardone che ballano, famiglie di immigrati indiani con prole al seguito, ancora si commenta il gigantesco Europride gay-lesbo-bisex-transgender del giorno prima, e naturalmente la benedizione urbi et…

Continua

Guardarsi negli occhi

“Uscire per un appuntamento non è più quello che si usava una volta, eh?” chiede Michael Caine a Clive Owen in un film di pochi anni fa, I figli degli uomini. Un film di semi-fantascienza dall’aria molto realistica. No, uscire non è più come una volta. Sempre qualche tempo fa, il New York Times pubblicava una…

Continua

Ornella Muti e il Pride

Comunque ieri sera, mentre il Gay Pride romano defluiva coi suoi carri e le sue creature festanti, compresi certi ragazzoni con indosso maglietta “My Name Is Noemi” e certe vistose trans con tacco dodici, tutti stavamo a salutarci nei pressi del palco allestito sul fondo di piazza Navona, appena pochi metri davanti alla celebre fontana del…

Continua

Una sera allo Stonewall

In Cristopher Street, zona Greenwich Village di New York, c’è una scultura commemorativa: statue di uomini e donne all’interno di un vero giardinetto, i due uomini in piedi abbracciati, le due donne sedute fianco di fianco. Ci sono vere vecchiette che si rilassano contemplando i piccioni, di giorno, e veri homeless in cerca di rifugio, di…

Continua

Ve lo immaginate il Gay Pride a Gaeta?

Sotto l’ombra del baretto, tra avventori di passaggio tra un campeggio e un falò, distratti da notizie belliche, emozionati dalle colate laviche organizzate dall’ex premier in villa, magari un po’ presi dai viaggi nostri, si discute animatamente se i gaetani hanno un’anima, casomai transgender. Il gay pride, e per giunta “nazionale”, a Gaeta? Francamente alla proposta…

Continua

1 2