Ludik

un blog

Cornacchie e fili d’erba

Le strade vuote, le case piene. Dagli schermi entrano gli amici, i parenti, gli amori lontani, ma pure gli sconosciuti, i famosi in crisi di astinenza, i cantanti, gli attori. Il cielo qui fuori è tornato azzurro in un istante, senza di noi, senza la nostra furiosa vitalità, senza tutto il male e tutto il…

Continua

Fino a qui

Come siamo arrivati fin qui? Me lo chiedo guardando i balconi, fino a ieri da lì si cantava, ora si lanciano urla contro gli incauti passanti. Le strade vuote che parevano una poesia in potenza anche per i meno ispirati ora sembrano vialoni in attesa di cortei lugubri. L’uomo accanto in fila al supermercato non…

Continua

Visibili e invisibili

Scendo a prendere una boccata d’aria, con la scusa di buttare l’immondizia. I negozi sono chiusi, le macchine non passano, i marciapiedi sono vuoti, una luce si muove per me. Quale mondiale stiamo giocando che sono spuntate tutte queste bandiere italiane ai balconi? Il nastro d’asfalto che laggiù porta verso la tangenziale è una rampa…

Continua

Le strade vuote

Nell’ultimo tragitto dal lavoro – ora sospeso, come tutto – verso casa attraverso il centro di Roma. Tengo una mascherina in tasca, non la indosso, mi porto, come un gesto di contrabbando, la mano verso la tasca se vedo avvicinarsi una macchina della polizia o un’ambulanza. Solo loro attraversano la città, insieme a pochi pedoni…

Continua

Il giorno in cui le persone scomparvero

Dov’ero io il giorno in cui le persone scomparvero? Ero a comprare tutto anche se di niente avevo bisogno, ero al telefono a chiedere a ognuno perché non sei qui, ero col telefono in mano a pensare meno male che non sei qui, ero in ufficio senza nessuna voglia di andarmene mentre ogni lavoro finiva…

Continua

Smarginatura

Forse nella bassa padana non usa, ma volevo dire che la “smarginatura”, come la chiama Elena Ferrante nei suoi romanzi, stanotte l’ho provata anche io. Solo che a Lila, l’amica geniale, è successo su una terrazza di Napoli circondata da razzi e tric trac del Capodanno 1958, “in mezzo ad esplosioni violentissime, nel gelo, tra…

Continua

1 2 3 19