Ludik

un blog

Così ho fatto il sindaco per finta (e per film)

Ecco cosa succede con la politica. Appena ti candidi alle elezioni, diventi un altro. Cioè tu sei sempre lo stesso, ma gli altri già ti vedono un altro. Stampato su un santino, chiamato di spalle, assalito all’improvviso. E come se non bastasse ti trovi a fare discorsi, a visitare case del popolo, a fare promesse. Ti…

Continua

Insieme a te non voto più

Non ero mai stato a un congresso di partito. E neanche a uno di un “ex partito”, in cerca di un “partito annunciato”. Lo so, è l’ultimo congresso dei Ds e della Margherita (e di tutto quello che si portano dietro, insomma). Lo so che si sta per creare un comune partito che si chiamerà Democratico….

Continua

Vogliamo i commissari

Arriva in silenzio, come un commesso viaggiatore che cerca asilo per la notte. Che piove o ci sia il sole non fa differenza: ad accoglierlo non trova mai nessuno, né autorità né fanfare. Quando vedono spuntare all’orizzonte il commissario mandato dal Prefetto i cittadini sulla piazza pensano che sia arrivata l’ora del supplente, uno di…

Continua

Brindisi sconosciuti

Avevo voglia di tornare a casa tardi, la notte di Natale. Ora sono al buio e ho lo stomaco pieno. Si sente cantare e soffiare qualche vapore lontano. L’orologio batte il primo rintocco di mezzanotte. I signori e le signore imperturbabili, agghindati della loro comunale onorabilità, si affrettano a inginocchiarsi nelle chiese, di fronte al dio…

Continua

Ma il resto dell’anno Babbo Natale che mestiere fa?

Ognuno ha una scusa per fermarsi sotto l’albero. Quelli che devono partire ma il loro treno è in ritardo. Quelli che devono affrontare il freddo della città lì fuori, ma preferiscono starsene ancora un po’ al calduccio. L’albero della stazione accoglie tutti come una calamita. Non si sa bene come sia cominciata, quale mano abbia posato…

Continua

Senza cerca’ permesso, ballo io pure

La bottiglia del vino “Rosso Rè”, con la sua prode faccia di guappo impressa sull’etichetta, l’avevo appena stappata. Con grande apprezzamento dei presenti alla cena, una raffinata compagnia d’uommene scicche e femmene pittate. La vita assomiglia alla sceneggiata, quando cerca disperatamente ragione di se stessa. Quando pretende un po’ di nobiltà nelle miserie quotidiane. Il vino…

Continua

1 48 49 50 51 52 55