Ludik

Luca Di Ciaccio

Confessions about Madonna

Time goes by so slowly. I viali deserti di Roma sono un risucchio, una vampa di calore e piogge improvvise e tuoni in lontananza. Il suono di qualche campana si perde nelle ferie d’agosto. Smadonnati cultori della religiosità pop, dotati di opportune magliette con strass e pantaloni stretti in vita, canotte attillate che sculettano su corpi…

Continua

Dammi tre parole, oppure un po’ di anni

Io, in un giorno di luglio di cinque anni fa, guardavo al futuro con ostinata e affettuosa fiducia. Di sera vedevo film in bianco e nero, di giorno scrutavo costumi molto colorati. Ogni tanto mi dedicavo a questa cosa strana e nuova che si chiamava “blog”. Facevo il vice bagnino in una spiaggia di Gaeta, in…

Continua

Pezzi di carta

E’ una giornata strizzata e umida di luglio, una giornata di quelle in cui ho rischiato di farmi spremere come un limone a un esame cui non mi sentivo per niente preparato, e allora ho deciso di sgaiattolare fuori dall’aula, dribblare gli ombrelloni bianchi addobbati del servizio di orientamento per maturandi indecisi (pare abbiano bocciato poco…

Continua

L’azzurro dei desideri

C’è un piccolo dolore alla schiena, un brivido vertebrale che scivola via, prima dell’ultimo rigore. Negli occhi tuoi voglia di vincere, come direbbe quella canzone di una vecchia estate incompiuta, una delle tante. E le mani davanti agli occhi, per vedere e non vedere. Per non lasciarsi accecare: dall’abisso o dalla gloria. Ragioni grandi e piccole,…

Continua

Pensare con i piedi

Non c’è solo il gioco del calcio. C’è il gioco delle parti. Sarà stato Jorge Valdano, centravanti dell’Argentina campione del mondo del 1986, a raccontare che il cittì Alfio Basile era solito commentare con aria disarmata: “Io sono bravissimo a disporre gli uomini in campo; purtroppo al fischio d’inizio loro si muovono”. Il tempo moderno, che…

Continua

Disgressioni sulla lucidità

“Che noia la passione”, mi sono detto una volta mentre me ne stavo seduto, infilato in un cubicolo dalle pareti arancioni, in un’azienda di comunicazione politica. L’importante è sedurre, sedurre ad ogni costo. A un certo punto qualcuno afferra il concetto e mi risponde: “Il guaio è che sembra che tutto accada per essere visto”. Troppo spesso, e…

Continua

1 52 53 54 55 56 57